Scusi Prof.

giugno 8, 2010 by · Commenti disabilitati su Scusi Prof.
Filed under: Reportage scuola 

Certe mattine fredde, quando arrivo a scuola alla prima ora, con gli scarponi umidi di pioggia e gli occhi ancora chiusi di sonno, mi viene voglia di buttarmi per terra, solo a vedere le facce intontite dei ragazzi e quelle immusonite dei colleghi che, in aula docenti, rispondono al buongiorno con un grugnito. Se rispondono.

In quinta, poi, i Soliti Ignoti (quelli che “Ma prof., ma non sono stato/a io!”, per capirci) dei primi banchi a destra continuano allegramente a (a scelta): dormicchiare, chiacchierare di cose assolutamente vacue, giocare a tressette, mangiare un panino con salame, maionese, tonno e fontina olandese (alle 8 del mattino!), cercare di studiare in pochi minuti quello che non hanno fatto in tempo a studiare (sic!) il giorno prima…. e di nuovo mi viene voglia di buttarmi per terra dalla disperazione. A volte, però, negli occhi di alcuni (primi banchi a sinistra) vedo baluginare qualcosa di molto simile all’attività cerebrale. Che emozione!!!!

Mirco ha gli occhi scuri, lo sguardo sveglio e un rapporto conflittuale con l’insegnante di matematica.

Mirco mi fa simpatia dal giorno in cui l’ho conosciuto. Mi ricorda in qualche modo quel Catone il Censore- di cui parlava la mia odiosa e odiata professoressa di latino e greco quando facevo il liceo- il quale pare concludesse ogni discorso in senato dichiarando:

– “Censeo Carthaginem delendam esse”.

Anche Mirco, con una costanza e una tenacia che ogni volta mi fanno sorridere, continua a concludere ogni suo intervento con un ostinato:

-“Comunque io il Vellati lo odio!”.

Antipatia, peraltro, spassionatamente ricambiata dal suddetto Vellati, docente di matematica, che, ai consigli di classe, non manca mai di sottolineare, con la pacatezza che da sempre lo contraddistingue, quanto Mirco sia strafottente e irritante. E, in ogni caso, sempre poco pertinente nei suoi interventi durante le lezioni di matematica (materia nella quale il povero studente non sembra molto versato). E, insomma, antipatico.

Comunque, a me Mirco piace proprio, alla faccia di tutti i luoghi comuni secondo cui, per gli insegnanti, gli alunni sono tutti uguali.

Mi piace anche per i suoi contributi così poco pertinenti; per le sue battute pungenti- e quelle, sì, pertinenti!-; per le sue Z al posto delle S nei compiti in classe; per quell’italiano becero e montanaro in cui si esprime; per quell’arietta innocente che tira fuori quando mi dice: “Scusi, prof.!”, dopo un rimprovero….

Stamattina l’ho incrociato per le scale, mentre scendevo per andare in 1^ B. Avevo, suppongo, la faccia incarognita che ho ogni volta che vado in 1^ B, cioè tutti i giorni.

-“Ehi, Mirco”, l’ho salutato.

-“Ehi, prof.”, ha sorriso lui. Mi ha fatto l’occhietto, poi è andato in classe a far lezione di matematica……

So’ bella solo io

L’autrice di questo racconto desidera mantenere l’anonimato

Intraprendere Blog Network

Magazine Blog Network, è ad oggi il più grande network italiano di blog professionali. Per proporci delle partnership, cambi, collaborazioni, avere informazioni pubblicitarie, inviarci un comunicato stampa contattateci. Il network è gestito da Ariapertalab, casa editrice e laboratorio di idee guidato da Giuseppe Piro.


il nostro network